Gemellaggio con Amelia

Il più sentito tra i gemellaggi cittadini è senza dubbio quello con la città di Amelia, in Provincia di Terni, in Umbria. A legare indissolubilment le due città da ben 17 secoli è una santa, oggi patrona di entrambi i Comuni, Santa Fermina, martirizzata appunto ad Amelia nel 304 all’età di soli 20 anni a seguito delle persecuzioni anticristiane volute da Diocleziano.

La santa, viene oggi festeggiata il 24 novembre ad Amelia con una solenne cerimonia, mentre a Civitavecchia, luogo in cui Fermina avrebbe persino fatto un miracolo, placando una terribile tempesta che minacciava gli equipaggi di alcune navi, e dove si ritirò in preghiera in una piccola grotta (oggi ancora prsesente sotto l’attuale Fort Michelangelo) è ricordata il 28 aprile con festeggiamenti solenni che terminano proprio in porto, in ricordo del giorno del 1647, quando alcune reliquie furono portate con una solenne processione da Amelia a Civitavecchia.

Il gemellaggio, che ansce come gemellaggio religioso, prende nuovo impulso nell’anno Santo 1975, quando ad Amelia si riscoprono le prescrizioni degli statuti amerini del 1346 e si sottoscrive un vero e proprio gemellaggio. Da allora ogni 24 novembre una delegazione del Comune di Civitavecchia partecipa ai festeggiamenti ad Amelia ed i rappresentanti della città umbra vengono a Civitavecchia in occasione del corteo storico e della processione del 28 aprile.