Disponibilità del servizio e modalità di pagamento

La piattaforma di pagamento messa a disposizione da Città Metropolitana di Roma Capitale è attiva 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

Attraverso il sistema pagoPA® è possibile effettuare il pagamento con le seguenti modalità:

  • l’utente collegandosi al sito web di MyPay (https://pagamenti.cittametropolitanaroma.gov.it) accede all’apposita sezione pagamento denominato “spontaneo” e sceglie tra gli strumenti di pagamento  disponibili: carta di credito oppure bonifico nel caso si disponga di un conto corrente presso banche, Poste e altri prestatori di servizio di pagamento aderenti all’iniziativa; a tale possibilità si affianca quella di stampare l’avviso di pagamento per effettuare l’operazione di pagamento  in un momento successivo presso i  suddetti prestatori che offrono questo servizio.
  • L’utente se in possesso del codice IUV (identificativo unico di versamento) presente sull’avviso di pagamento emesso dal Comune di Civitavecchia ha la possibilità di effettuare il pagamento presso il sito web sopra indicato scegliendo la sezione “avviso” o direttamente presso  le banche, Poste e altri prestatori di servizio di pagamento aderenti all’iniziativa tramite i canali da questi messi a disposizione (come ad esempio: home banking, ATM, APP da smartphone, sportello, ecc). L’elenco dei punti abilitati a ricevere pagamenti tramite pagoPA® è disponibile alla pagina http://www.agid.gov.it/agenda-digitale/pubblica-amministrazione/pagamenti-elettronici/pspaderenti-elenco. In questo caso per poter effettuare il pagamento occorre utilizzare il Codice Avviso di Pagamento oppure il Codice a Barre o il QR Code, presenti sulla stampa dell’avviso.

pagoPA® è un sistema pubblico – fatto di regole, standard e strumenti definiti dall’Agenzia per l’Italia Digitale e accettati dalla Pubblica Amministrazione e dai PSP aderenti all’iniziativa – che garantisce a privati e aziende di effettuare pagamenti elettronici alla PA in modo sicuro e affidabile, semplice e in totale trasparenza nei costi di commissione. Si tratta di un’iniziativa promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri alla quale tutte le PA devono aderire.